Reading

STORIE DI UOMINI E FIUMI viaggiatori e viandanti lungo le sponde

Voci: Maurizio Mattiuzza, Mauro Daltin, Claudio Moretti
Musiche e canzoni: Renzo Stefanutti
Tecniche: Simone Ciprian
Dai testi e le suggestioni di: Luciano Morandini, Amedeo Giacomini, Claudio Magris, Raymond Carver, Roberto Piumini, Erri De Luca, Paolo Rumiz, Elio Bartolini, Mark Twain, Konrad Lorenz, Stefano Benni

Una serie di letture e musiche con al centro l’acqua, i fiumi, il territorio. Storie sulle sponde, sopra i ponti, sotto il pelo dell’acqua. Acqua che c’è, che manca, che si rigenera, che scompare, che distrugge. Il fiume come luogo dove sedersi e chiacchierare con un amico sui destini del mondo o dove starsene da soli a tentare di misurare il tempo. Il Friuli è attraversato da fiumi, grandi e piccoli, di montagna o di pianura, pieni o in secca. Il Corno, il Cormor, il Tagliamento, lo Stella, l’Isonzo, il Natisone, il Cellina, il Meduna e così via: sembra che la nostra Regione debba sempre e comunque avere a che fare con i fiumi che segnano confini, province, un di qua e un di là di pasoliniana memoria. E attorno ad essi, ci sono essenzialmente storie di persone, di uomini e donne che vivono sulle sponde un’intera esistenza o che entrano nelle loro acque una calda domenica d’estate. Ma il fiume e l’acqua sono anche poesia, metafora, simbolo, sorgente e foce di un itinerario fisico o immaginario, reale o onirico. Un vero e proprio viaggio dentro le pagine di alcuni libri: un vecchio e un bambino che parlano con un fiume; le pagine di Luciano e Morandini che narrano un territorio, quello della Bassa; Giacomini con il suo Tagliamento bambino; Magris e quel rubinetto da dove nasce il Danubio; De Andrè e il Sand Creek; la guerra per l’acqua in Bolivia e molto altro in questa lettura scenica con l’attore Claudio Moretti, il poeta Maurizio Mattiuzza, lo scrittore Mauro Daltin e il cantautore Renzo Stefanutti. 

 

E mentre ancora seguivo con lo sguardo le oche che volavano basse sull’acqua e scomparivano alla prossimità della curva del fiume, fui improvvisamente colto da quel senso di meraviglia per le cose note e familiari che è all’origine della filosofia. Provai in me un profondo stupore per la possibilità di una tale dimestichezza con un uccello libero e selvatico, e la constatazione di questo fatto mi rese stranamente felice, come se con ciò si fosse potuto un poco riparare alla cacciata dall’Eden.

Konrad Lorenz

 





A cura di

Claudio Moretti

Claudio Moretti, attore, autore, presentatore e animatore, ha recitato dappertutto, compresi carceri e manicomi, night, ospedali e persino in un circo. Nel 1982 Con Fabiano Fantini ed Elvio Scruzzi fonda il Teatro Incerto con il quale ha percorso in lungo e in largo tutto il Friuli, diverse località italiane, europee e d'oltre oceano. Da anni e a giorni alterni, collabora con vari enti.
Negli ultimi trentadue anni di lavoro, ha vissuto contemporaneamente le condizioni di lavoratore in ferie, disoccupato, precario, a progetto, cassintegrato, pensionato, licenziato e assunto a tempo determinato.


Renzo Stefanutti

È uno dei maggiori esponenti del cantautorato friulano. Partecipa a concerti, festival, rassegne musicali, ed è attualmente impegnato in una fitta attività live sia come solista sia accompagnando molti poeti in reading letterari.
Con la Bottega Errante suona e canta nelle molte tappe toccate di readings quali: Quasi quasi vado a farmi un giro, Storie di uomini e fiumi, Storie di natura e bellezza.
È stato anche ospite a Scrivimi una canzone. Laboratorio di scrittura creativa di canzoni a Udine nel 2012. Per Bottega Errante ha anche scritto il racconto "King Kong? Dut a puest" all'interno del libro "La notte che il Friuli andò giù"


Maurizio Mattiuzza

poeta e scrittore, vincitore di importanti premi nazionali di poesia, è una delle voci più significative della letteratura friulana contemporanea. Attivo già a fine anni Ottanta con la rivista Usmis, ha pubblicato diverse raccolte e unito i suoi testi alle musiche di Lino Straulino, firmando l’album Tiere nere e altre canzoni. Sempre in bilico tra parole e musica, ha lavorato poi come autore con il cantautore Renzo Stefanutti e la band dei Luna e un Quarto. Al suo attivo conta traduzioni in inglese, sloveno, greco e altre lingue europee e partecipazioni a numerosi festival internazionali. Scrive in lingua italiana, friulana e nel dialetto della Valsugana. Fa parte di Bottega Errante e ha  ha scritto il racconto "Ci bastava un prato" all'interno del libro "La notte che il Friuli andò giù" 


Simone Ciprian

Musicologo e tecnico del suono, socio fondatore del Circolo Culturale Artetica di Muzzana del Turgnano 


Mauro Daltin

Scrittore, editor, redattore e consulente per enti pubblici e privati, curatore di eventi culturali, viaggiatore quando posso. Amo i Balcani e il Sudamerica. Ai primi avevo dedicato una rivista, al secondo un libro. Scrivo per raccontare storie e geografie, leggo per necessità di vivere tempi e dimensioni altre.
Per la Bottega Errante coordino la parte editoriale, di organizzazione di eventi e curo i laboratori di narrazione.